Nel Gran Premio del Qatar, primo atto del 2024 della MotoGP™, qualcuno ha fatto un passo importante, raggiungendo le altezze di due leggende del motociclismo: Barry Sheene e Kork Ballington. Questi due miti degli anni ’70, che hanno conquistato sei titoli in tre diverse classi, sono stati eguagliati dai due piloti che hanno dominato il Gran Premio Qatar Airways del Qatar, posizionandosi al primo e secondo posto.

Ecco i numeri salienti e le curiosità che emergono dall’atto di apertura del 2024 della MotoGP™:

1 – Francesco Bagnaia (Ducati Lenovo Team) diventa il primo campione del mondo in carica della MotoGP™ a vincere sia la gara conclusiva della stagione precedente, sia quella di apertura della stagione successiva, dal 2015 al 2016, quando Jorge Lorenzo riuscì nell’impresa.

4 – Marc Marquez (Gresini Racing MotoGP™), quarto al Gran Premio del Qatar, ha ottenuto il suo miglior risultato su Ducati dall’Australia 2022, dove si classificò secondo.

9 – Il rookie Pedro Acosta (Red Bull GASGAS Tech3) ha conquistato il nono posto al suo debutto nella categoria regina, firmando il giro più veloce della gara. È necessario tornare indietro di cinque anni per trovare un risultato simile: nel 2019, Joan Mir ottenne l’ottavo posto al suo debutto in MotoGP™, proprio in Qatar.

10 – È la decima vittoria consecutiva della Ducati in MotoGP™, un risultato senza precedenti per Borgo Panigale.

17 – Jorge Martin (Prima Pramac Racing) ha conquistato il terzo posto, salendo sul podio per la diciassettesima volta in MotoGP™, e per la 45ª volta in totale considerando tutte le classi.

19 – Per Bagnaia la 19esima vittoria in MotoGP™: si posiziona così alla pari con il leggendario Barry Sheene, occupando il 16º posto nella classifica dei piloti con il maggior numero di vittorie nella classe regina.

21 – Grazie a Bagnaia e Martin, Ducati è ora il costruttore con il maggior numero di podi in MotoGP™ in Qatar, con un totale di 21. Le moto di Borgo Panigale hanno vinto otto volte a Lusail, a due lunghezze dalla Yamaha.

46 – Il secondo posto di Brad Binder (Red Bull KTM Factory Racing) rappresenta il suo 11° podio in MotoGP™ e il 46° nel Mondiale, eguagliando Kork Ballington, quattro volte iridato negli anni ’70 sulle Kawasaki 250 e 350.

47 – Ducati accompagna almeno un pilota sul podio da 47 appuntamenti di fila.

Un mix di storia e statistica che rende ancora più avvincente il mondo della MotoGP™.

 

Ph:MotoGp