Nel mondo competitivo del motocross, emergono buoni talenti, e uno di questi è Niccolò Mannini, un giovane pilota di 15 anni originario di Siena. La passione per l’adrenalina e la velocità si fonde con la sua determinazione mentre si prepara a conquistare le piste in sella alla sua Yamaha 125, portando in alto i colori del Moto Club Cairatese. Tra le molte piste che ha affrontato, Agueda in Portogallo rappresenta per lui una sfida e un terreno in cui si sente perfettamente a casa.

Niccolò, traccia un tuo profilo sportivo
Ho iniziato ad andare in moto all’età di 4 anni quando mio babbo mi regalò un TTR 50 Yamaha; da lì sono via via passato alle cilindrate superiori fino ad arrivare agli 8 anni in cui ho disputato la mia prima gara sul circuito di Faenza.

I risultati piu rilevanti e significativi che ho avuto fino ad ora sono la vittoria degli Internazionali di Supercross nel 2021, la conquista del titolo Italiano nel 2022 e del campionato europeo zona South Ovest sempre nel 2022, oltre a 4 campionati regionali di motocross in Toscana.

Negli allenamenti e nelle gare sono seguito dal mio allenatore Alessandro Pagliacci. Lavoro con lui da ormai 2 anni e mi trovo molto bene, abbiamo un bel feeling, ci intendiamo al volo e mi ha fatto progredire tanto sia sulla tecnica che sulla velocità”.

Fai un bilancio della stagione agonistica 2023
Sono contento della stagione 2023 a parte l’infortunio a giugno a Teutschenthal. Con il passaggio alla 125 è stato tutto un crescendo sia fisicamente sia con la velocità in moto. All’inizio facevo fatica a reggere i ritmi mentre piano piano sono cresciuto. Le piste dell’Europeo sono difficili ma divertenti allo stesso tempo, mi piacciono le piste tecniche dove è importante saper guidare.

Ho anche fatto qualche buona prestazione nel Campionato Europeo, tante partenze in testa mentre in Portogallo, ho concluso 11° nella 2a manche”.

Qual è stato il momento più significativo della tua carriera nel motocross?

Il motocross è la mia vita quindi tutto il tempo che riesco a passare sulla moto per me è significativo”.

Passando ai programmi sportivi, quali sono gli obiettivi che ti sei posto per i vari campionati?
Per la stagione prossima il mio obbiettivo è impegnarmi al 110% e divertirmi per cercare di fare il meglio possibile a tutte le gare a cui parteciperò”.

Devi fare dei ringraziamenti?
Ci sono molte persone da rigraziare perche è anche grazie a loro che sono arrivato qui. Alessandro Pagliacci, Daniele Salucci, Alix Power e Cristiano Rivoltini che credono in me, sempre. La Federazione Motociclistica Italiana e infine la mia famiglia. Mi vogliono bene e tutti mi danno una grossa mano perchè io continui a correre”.