Tentato un nuovo spettacolare record mondiale dallo stuntman della Vespa Günter Schachermayr

È arrivata l’ora del prossimo tentativo di record mondiale del 44enne Stuntman in Vespa Günter Schachermayr di Steyr/Alta Austria. Ha studiato per 6 anni il ponte sospeso di corda lungo 200 metri, alto 115 metri e largo solo 1,20 metri vicino a Holzgau nella Lechtal/Tirolo. Günter Schachermayr ha voluto attraversare questa struttura con la sua Vespa Rally 200ccm appositamente modificata, bendata da un’estremità all’altra con una borsa di stoffa nera tirata su di essa. Entrambi i bordi laterali erano dotate di un sistema di molle personalizzato sullo scudo inferiore della gamba che emette segnali acustici per rimanere esattamente centrato sullo stretto ponte. Il rider stesso aveva anche bisogno di occhiali protettivi per l’ossigeno sotto la nera maschera facciale per fornire ossigeno sufficiente al cervello.

Poi è arrivato il momento di partire, ho spinto la mia Vespa dalla parte opposta del ponte per il tentativo di record mondiale. Quando il kickstarter della Vespa è rimasto impigliato nella rete metallica del ponte mentre stava schivando qualcuno, sono quasi caduto. Una volta lì, non c’era modo di tornare indietro. Il ponte è stato completamente chiuso a tutti i visitatori per un breve periodo, ho avviato il mio veicolo e l’ho messo in prima marcia. Il sistema di molle integrato della Vespa girava a destra e a sinistra sopra la rete metallica, guidandomi in avanti. Dopo circa 100 metri tutto ha iniziato a girare e ho perso per un attimo l’orientamento. Riuscivo quasi a bilanciare la Vespa, ma per evitare una caduta ho dovuto appoggiare per un attimo entrambi i piedi sulla griglia del ponte. Dopo aver allineato la macchina, la traversata è continuata e sono arrivato dall’altra parte del ponte sospeso. Una caduta avrebbe potuto avere conseguenze fatali. Per me è stato il limite totale ed è la prova che, nonostante il duro allenamento, può sempre succedere qualcosa di imprevedibile. Nonostante tutto, è stato un altro momento incredibile quando ho raggiunto il traguardo, mi sono tolto la maschera e ho abbracciato la mia squadra”, ha detto Günter Schachermayr dopo il suo tentativo di record mondiale.

Ora tutti i materiali di immagini e video verranno inviati al Guinness dei primati per la revisione e si spera che venga inserita nel libro dei primati. Sarebbe amareggiato Günter Schachermayr e il suo team se questo piccolo passo falso durante il viaggio non fosse considerato valido e quindi non fosse inserito nel Guinness dei primati. Per il suo libro, tuttavia, c’è un’altra pagina in cui inserire il “Wüden auf da Machin”!