Valter Chiappa e il recupero dall’infortunio capitatogli prima del via stagionale 2022

Per fare una battuta e sdrammatizzare l’accaduto, potremmo dire che la stagione sportiva di Valter Chiappa è partita con la gamba sbagliata.
Valter, sessantunenne di Senago, alfiere del Moto Club Gorlese “Mario Colombo”, a causa di un infortunio in allenamento, che ha richiesto un intervento chirurgico, ha dovuto dedicare tutto il suo tempo al recupero fisico.

Valter, com’è successo l’infortunio?
Purtroppo il 9 gennaio scorso, durante un allenamento presso la pista di Malpensa, mi sono fratturato il femore. La frattura purtroppo si è rivelata scomposta e per questo pochi giorni dopo ho dovuto subire un intervento chirurgico. La fase di recupero è stata molto lunga, e questo mi ha costretto a stare fuori dalla moto e quindi da tutti i campionati. Sono rammaricato di ciò perché mi sentivo pronto e carico per affrontare la nuova stagione”.


Dopo la splendida stagione 2021, potevi riscattare il secondo posto tricolore nel Campionato Motocross d’Epoca Gruppo C, invece sei stato costretto a rimandare tutto al prossimo anno.
Vero, lo scorso anno ho finito sul gradino intermedio del podio per un problema alla moto nella prima gara a Maggiora; avrei potuto aggiungere il titolo al Trofeo delle Regioni Epoca a Squadre del 2019 e ai campionati Italiani Epoca Classe C vinti negli anni 2016, 2017 e 2020”.

Quali sono adesso i tuoi programmi?

I programmi ad oggi sono di rimettermi il prima possibile ad allenarmi sia come attività fisica che in moto. Prima di tutto devo aspettare l’ultimo controllo del medico che farò a metà luglio, dopo questo bisogna iniziare la giusta preparazione e appena mi sentirò in forma e il mio fisico me lo permetterà risalirò in moto. Spero di rientrare per le ultime gare, ma sarà tutto da vedere”.

Raccontaci la tua storia da pilota: quando e come hai iniziato a praticare motocross?
Questa passione e la voglia di correre mi è venuta grazie a degli amici del mio paese che praticavano questo sport. Ho iniziato all’età di 13 anni con la categoria cadetti 50, dove ho vinto il provinciale lombardo e ho conseguito un buon risultato nel regionale lombardo. Dopo quattro anni di questa categoria sono passato alla classe cadetti 250, vincendo il regionale, il campionato nord-Italia e il Trofeo delle Regioni, precisamente nell’anno 1980. L’anno successivo sono passato Junior nazionale per ben quattro anni. Per arrivare poi alla classe regina ovvero tra i Senior. Nel 1991 ho smesso di correre per la nascita del primo figlio, ho ripreso dopo 16 anni. Nel corso di questi ultimi anni ho vinto diversi titoli sia a livello nazionale sia a livello regionale”.

Parliamo delle tue moto. Quante moto d’epoca possiedi?
Io possiedo 4 moto d’epoca e 3 moderne. Le moto d’epoca sono tutte Maico perché in casa mia e nel mio cuore c’è posto solo per lei ed a fianco c’è un posto anche per le mie 3 Yamaha con le quali corro nel Campionato Italiano Motocross Over 56”.

Da quanto tempo sei iscritto con il Moto Club Gorlese?
Sono pilota del Moto Club Gorlese dal 2020. È un motoclub fantastico, per me è diventato una seconda famiglia”. 

Nel 2021 hai realizzato una delle più belle stagioni?
Nel 2021 ho vinto il regionale lombardo Epoca classe C, e ho concluso secondo nell’italiano Epoca classe C, pur vincendo tutte le manche, lo zero di Maggiora ha penalizzato la corsa al titolo”.

Quali sono le tue piste preferite a livello nazionale?
Sicuramente le piste di Maggiora e di Pietramurata in Trentino