Mirko Di Crescenzo: “Sarà una grande esperienza correre in questa nuova categoria, sicuramente stimolante e impegnativa rispetto al 2020”

Mirko Di Crescenzo è un endurista chietino di Guardiagrele, ha 16 anni ed è al decimo anno di gare nella specialità dell’enduro. Difende i colori del DG Racing e ha lasciato la Ktm per la Beta 125. E’ appassionato all’attività di meccanica in generale, dalle macchine alle moto come suo padre.

     

Mirko, facci un resoconto della tua ultima stagione sportiva.

M.D.C.: “La stagione 2020 è iniziata con difficoltà a causa del Covid che non ci ha permesso di goderci a pieno questo sport. In aggiunta a questa pandemia ho avuto anche alcuni problemi di meccanica riguardo alla moto nel bel mezzo delle gare e questo mi ha un po’ amareggiato. Nonostante ciò ho cercato di mantenere la determinazione anche nei momenti più intensi. Ho concluso il Campionato Regionale con la vittoria del titolo mentre ho finito il Campionato Italiano con un 5° posto in classifica”.

Qual è un punto di forza che ti avvantaggia nei confronti di altri piloti?

M.D.C.: “Probabilmente ciò che potrei avere rispetto ai miei avversari è un briciolo di pazzia, la determinazione e un po’ di sana competizione”.

In cosa ti senti di dover migliorare per il futuro?

M.D.C.: “In futuro dovrò migliorare la costanza dell’allenamento fisico, alcuni aspetti tecnici e sicuramente ascoltare di più i consigli di chi è più esperto di me in modo da apprendere sempre nuove tecniche di guida”.

Quali sono i tuoi programmi per la prossima stagione?

M.D.C.: “Al momento mi sono iscritto al Campionato Regionale Enduro, al Campionato Under 23 e agli Assoluti d’Italia. Correrò con la Beta 125cc e sarà una grande esperienza per me correre in questa nuova categoria, sicuramente stimolante e molto impegnativa rispetto a quella precedente”.

Chi ti segue alle gare?     

M.D.C.: “In primis la mia famiglia seguita dal presidente, il team e poi tutto lo staff che mi supporta e sopporta nei momenti più difficili e impegnativi durante la gara”.

Devi ringraziare qualcuno?

M.D.C.: “Certo, innanzitutto vorrei ringraziare la mia famiglia per avermi permesso di coltivare questo sport fin da piccolo, poi il presidente del mio Motoclub, Davide Di Gregorio, che ci motiva costantemente insieme a tutto il team.

Poi vorrei ringraziare tutti gli sponsor che ci sostengono come ogni anno per tutta la stagione agonistica. Infine quest’anno vorrei ringraziare la Beta Motor per averci fornito le moto e l’attrezzatura, e il concessionario Torrieri Moto”.