L’endurista Alessandro Azzalini pronto per il Mondiale Junior Superenduro

Alessandro Azzalini, pilota 22enne di Buglio in Monte (SO), è un endurista estremo strappato al trial 5 anni fa. Questo che sta per chiudersi è stato per Alessandro un anno particolare perché a causa della pandemia è saltato il mondiale di enduro a cui avrebbe dovuto partecipare. Pilota Husqvarna TE300 del team TTR Squadra Corse e del Moto Club Sebino, il bugliese punta adesso sul mondiale Superenduro.

Alessandro, facci un resoconto della tua stagione sportiva. Doveva essere una bella stagione quest’anno, ma il destino ha voluto rendere a tutti le cose più difficili con il Covid, che ha fatto posticipare e in alcuni casi fermare e poi ripartire e poi di nuovo fermare molti campionati.

Quest’anno praticamente non ho corso nessuna delle gare che avrei dovuto correre perché avrei partecipato al Wess Campionato Mondiale di Enduro Estremo ma causa covid il campionato è saltato. Adesso mi sto preparando per il Campionato Mondiale di Superenduro che si tiene nella fase invernale della stagione, ma anche questo è molto a rischio”.

Qual è un punto di forza che ti avvantaggia nei confronti di altri piloti?

Secondo me la tecnica di guida, perché essendo stato un pilota di trial per tanti anni riesco a superare ostacoli più difficili e facendo meno fatica di altri piloti”.

In cosa ti senti di dover migliorare per il futuro?

Nella resistenza fisica, infatti ora mi sto allenando molto anche facendo corsa e bici”.

Quali sono i tuoi programmi per la prossima stagione?

Parteciperò al Mondiale Junior Superenduro e al Mondiale Estremo Wess (World Enduro Super Series)”.

Chi ti segue alle gare?

Alle gare ci vado con il mio team e qualche volta con i miei famigliari”.