Il campione dell’enduro Giuliano Mancuso: Il mio punto di forza nei confronti di altri …è la fame!

Sto lavorando per affinare la mia tecnica in “estrema”

Giuliano Mancuso, 24enne messinese, con la Fantic 2T del team Fantic d’Arpa Racing con il quale correrà anche nel 2021, ha vinto il primo alloro tricolore Enduro della classe 125 Senior dopo l’ultimo round che si è corso a Villanova d’Albenga, nel Savonese a metà ottobre. Giuliano è stato abilissimo oltre che il migliore del lotto ed ha confermato tutte le sue naturali qualità aggiudicandosi tutte e tre le prove del campionato Italiano 2020.

Ora è tempo di pensare ai programmi per la prossima stagione e, in questo, il forte pilota siciliano ha già le idee chiare. Sentiamo.

Giuliano, che stagione è stata per te questa da poco finita?

G.M.: “Questa stagione è stata particolare per tutto il pianeta in qualsiasi ambito, non solo quello sportivo. Per quanto mi riguarda mi sono rimboccato le maniche e ho portato a casa la mia migliore stagione da quando ho iniziato a correre in moto riuscendo a vincere il mio primo campionato italiano”.

Qual è un punto di forza che ti avvantaggia nei confronti di altri piloti?

G.M.: “La fame”.

In cosa ti senti di dover migliorare per il futuro?

G.M.: “Sicuramente devo affinare la tecnica in estrema, ho perso parecchie gare per degli errori in questa tipologia di prova speciale, sto lavorando in questa direzione”.

Quali sono i tuoi programmi per la prossima stagione?

G.M.: “Correrò sempre in sella alla Fantic 125 e correrò il Campionato Italiano Senior Enduro e gli Assoluti d’Italia Enduro”.

Chi ti segue alle gare?

G.M.: “Mi seguirà lo staff del team Fantic D’Arpa Racing e qualche uomo del Motoclub Desio”.

Devi ringraziare qualcuno?

G.M.: “Ci tengo a ringraziare particolarmente Diego Morganti, in questa stagione oltre ad aver lavorato insieme ho trovato un buon amico e spero che continueremo a lavorare insieme in futuro. Mamma e papà è sottinteso”.