Valentina Cecconi “.diciamo che lui si diverte molto a vedermi faticare”!

Valentina Cecconi
“…diciamo che lui si diverte molto a vedermi faticare”!

V.C.: “Ciao a tutti, sono Valentina Cecconi, 27 anni, più giovane di 11 anni del mio compagno Luca Bittarelli con il quale abitiamo a Pisa e stiamo insieme dal 2016.
Ancora frequento l’università (Scienze della nutrizione umana, all’università di Pisa), vorrei diventare una nutrizionista sportiva e seguire principalmente piloti di motocross. Per adesso Luca è la mia cavia ma non mi ascolta come dovrebbe.

Il mio hobby sarebbe il motocross, però ultimamente l’università viene al primo posto e quindi la moto è ferma in garage. Spero di ripartire al più presto. Ho anche la passione per la fotografia, infatti alle gare, se non ho esami imminenti, entro sempre in pista a fare le foto. 

Sono molto riservata – poi pian piano conoscendo le persone riesco ad aprirmi – e fortunatamente non ho nessun vizio”. 

Come vi siete conosciuti con Luca? 

V.C.: “Ci siamo conosciuti a fine ottobre del 2016. Luca mi scrisse chiedendomi se poteva condividere le foto che avevo fatto all’ultima gara del toscano motocross a Ponte a Egola. Aveva fatto l’holeshot, poi la gara lasciamo perdere, disastrosa! Di Luca mi ha poi colpito la gentilezza e la simpatia”.

Come avete vissuto questo periodo di lockdown? 

V.C.: “Inizialmente è stata dura! Stare sempre in casa, io che dovevo seguire ogni giorno le lezioni telematiche, lui che poverino doveva sorbirsi tutte le ore di lezione. Però ci siamo sempre allenati o in casa, o intorno al condominio dove abitiamo e dal 1° maggio abbiamo scoperto anche la bici. Diciamo che lui si diverte molto a vedermi faticare in bici, io un po’ meno”. 

Cosa ti fa più arrabbiare di lui?
V.C.: “Quando non finisce le manche in allenamento e mi inventa sempre una scusa (ride). Diciamo che io metto del mio, facendo scadere il tempo almeno 1 o 2 giri dopo rispetto al tempo stabilito. Così fatica di più”!

Chi è più geloso dei due? 

V.C.: “Entrambi. Io non lo faccio notare e magari glielo rinfaccio in privato! Lui mi fulmina subito con lo sguardo”.

Luca è scaramantico, prima di una gara?
V.C.: “No, scaramantico no, però vuole silenzio per potersi concentrare. L’unico gesto che facciamo sia in allenamento che in gara è il bacio sul casco prima che si allontani dal furgone”.

Come se la cava Luca con la cucina?
V.C.: “Come dico io: “la sua cucina è troppo pesante”. Venendo dall’Umbria ha delle tradizioni diverse rispetto alle mie. Però essendo un ex ristoratore, sa cucinare anche molto bene”. 

Che progetti avete ora che si può ricominciare ad uscire liberamente?
V.C.: “Progetti, mmm! Sono nel pieno della sessione estiva quindi i progetti non esistono, per adesso solo allenamenti e gare”.

Come vivi la sua passione per il motocross?
V.C.: “Diciamo che io sono una persona che non ama perdere. Quando ero piccola e pattinavo, per me il secondo posto era un fallimento. Quindi ecco, quando non arriva sul gradino più alto del podio è come un colpo al cuore. Sono molto dispiaciuta visto l’impegno che ci mette. Lì per lì mi arrabbio ma poi ragioniamo insieme sugli errori che ha fatto. Ormai è talmente abituato alla mia presenza che non trova nemmeno più le cose nel borsone (ride).

Comunque diciamo che prima di una gara, mi allontana sempre, con la scusa che devo andare a fare le foto, perché sono molto ansiosa. Ho sempre paura che accada qualcosa alla prima curva”. 

Sei pronta per la prova costume?
V.C.: “Abitando a 18 km dal mare, la prova costume l’abbiamo già affrontata. Diciamo che lo scorso anno era andata meglio”!

MXCircus

GRATIS
VIEW