Trial: Alex Brancati, un’atleta tutta d’oro

Una delle atlete simbolo del Trial nazionale, al suo secondo titolo italiano, l’ultimo conquistato nel 2019 insieme alla medaglia d’argento europea Femminile e campionessa del mondo nel 2018, è certamente la diciottenne ligure Alex Brancati.
Bella, spigliata, con un grande sorriso e una grinta in campo da vera campionessa, Alex è tra le atlete più titolate per la sua giovane età, ma non tutti la conoscono, e per questo l’abbiamo intervistata perché merita veramente di essere seguita.
Alex è di Isola del Cantone ma è nata a Novi Ligure. Corre con i colori del team Sembenini Nils Montesa Red Moto e del Moto Club La Guardia. E’ assistita per la parte tecnica dal babbo e lavora nel bar di famiglia e, soprattutto, il suo cuore batte per la moto così come per il fidanzato Ulivi; lui fa motocross.

Ciao Alex, presentati parlandoci della tua carriera in moto:
A.B.: “Ho iniziato a 8 anni facendo le gare di minicross poi nel 2013 ho provato la moto da trial e da quel momento non sono più scesa…ho corso con gasgas, beta e quest’anno provo Montesa…ho vinto qualche regionale, 2 italiani, la coppa del Mondo trial2, vice campionessa europea e nel 2019 ho finito 7ª nel mondiale TrialGP”.

Dunque Alex, parlaci della fruttuosa stagione 2019

A.B.: “La stagione 2019 non è andata proprio secondo i piani. Purtroppo ho portato a casa solo il titolo italiano, mi sono lasciata scappare il primo posto all’europeo per un errore banale che ho commesso e anche al mondiale potevo fare un po’ meglio ma ci rifaremo quest’anno”.

Qual è stata la gara più bella del 2019?
A.B.: “La gara più bella del 2019 è stata quella mondiale in Portogallo. Iniziata il sabato con 10 punti sulla caviglia e finita la domenica in quarta posizione…miglior risultato dell’anno”.

C’è qualcosa che ancora non sei riuscita a migliorare nel tuo stile di guida?
A.B.: “Si assolutamente, c’è ancora molto lavoro da fare e ci sono ancora cose su cui migliore e più sale il livello più si curano i dettagli”.

Sei impegnata anche in altri sport?
A.B.: “No, vado in palestra e mi alleno con la bici ogni tanto ma tutto mirato per il trial”.

Parlaci della prossima stagione di gare
A.B.: “Correrò all’italiano, al mondiale e parteciperò alla gara di campionato Europeo in Italia. Gli obbiettivi sono vincere il titolo italiano, vincere la prova dell’europeo che farò in Italia e finire nelle prime 5 al mondiale”.

Il tuo sogno nel cassetto?
A.B.: “Sogno nel cassetto? arrivare a stare nelle prime tre al mondiale TrialGP”.

Chi sono i tuoi piloti preferiti?
A.B.: “Nel trial non ho piloti preferiti mentre nel motocross il mio pilota preferito è Jeffrey Herlings“.

Quando si toglie tuta e casco, chi è Alex nella vita privata?
A.B.: “Lavoro al bar di famiglia, vado in palestra tutti i giorni, mi piace molto nuotare o andare in bici, quando non mi alleno ne approfitto per andare con Ulivi in pista, e mi piace molto”.

Che vita sarebbe senza poter andare in moto?
A.B.: “Mmmm… non saprei nemmeno immaginarmi senza, la moto per me è uno stile di vita”!

Chi ti segue alle gare?
A.B.: “Mio papà, lui c’è sempre”.

Devi ringraziare qualcuno?

A.B.: “la mia famiglia in particolare, senza di loro tutto questo non sarebbe possibile, il team Sembenini Nils Montesa Red Moto, i Talenti Azzurri FMI ed i tecnici che mi allenano (Francesco Iolitta, Matteo Poli e Fabio Lenzi), e tutti i miei sponsor”.

MXCircus

GRATIS
VIEW