Nel MXoN di Assen, Maxime Renaux chiude quinto con la Francia

Maxime Renaux, al debutto nel Trofeo delle Nazioni di Motocross a Squadre. Il CT francese Pascal Finot lo ha scelto come sostituto di Tom Vialle, nella classe MX2. In sella alla quarto di litro, il giovane transalpino ha cercato di offrire la migliore performance possibile, ma la sfortuna ci ha messo lo zampino, impedendogli di ripetere le ottime prestazioni messe in mostra nel Mondiale.

Dopo aver realizzato il 15° tempo nel corso delle prime prove libere, il portacolori del Team Sm Action Yamaha è scattato a metà gruppo al via della heat di qualifica. Grazie ad un ritmo costante, ha recuperato varie posizioni, agguantando la 10a piazza. In gara-1 non è riuscito ad uscire con prontezza dai blocchi di partenza, rimanendo imbottigliato nelle retrovie. Nonostante le difficoltà portate dalle proibitive condizioni atmosferiche, Renaux ha recuperato alcune posizioni sull’infido terreno olandese, tagliando il traguardo 18°.

Nella frazione intermedia, l’ultima disputata dal francese, si è mantenuto con costanza a ridosso della top 15, ma la malasorte si è palesata ad un solo giro dalla bandiera a scacchi, costringendolo così a scendere in classifica fino al 30° posto. Nell’assoluta, invece, la Francia ha visto svanire il podio per un’inezia, complice una battuta d’arresto di Gautier Paulin, costretto al ritiro ad un passo dalla conclusione della terza frazione. La squadra campione uscente ha così chiuso la giornata in 5a posizione, con il rammarico di aver patito episodi poco favorevoli che ne hanno pregiudicato l’esito finale.

La stagione 2019 è così andata in archivio; un’annata comunque importante per Maxime Renaux e per tutto il team italiano che è stato in grado di mettersi con continuità in evidenza, dando battaglia a più riprese con le migliori squadre del panorama internazionale.

MXCircus

GRATIS
VIEW